Vaccini, “non ci sono coperture”: stop agli emendamenti su iniezioni in farmacia e obblighi per operatori sanità e scuola

Vaccini in farmacia e estensione dell’obbligo vaccinale agli operatori sanitari e scolastici: i due emendamenti sul decreto Vaccini sono ora stati bloccati dal parere negativo della commissione Bilancio. Sull’obbligo per operatori sanitari e scolastici era arrivato anche il no della Ragioneria dello Stato. In entrambi i casi il problema è la copertura economica. Dal punto di vista procedurale, quindi, ora il governo sta pensando alla possibile soluzione di un ordine del giorno. Nel frattempo è ripreso in Senato l’esame del decreto con la prosecuzione della discussione generale.

Tre erano gli emendamenti che prevedevano la copertura vaccinale per gli operatori, compreso quello della relatrice in commissione Sanità Patrizia Manassero (Pd). Tutti però bocciati per mancanza di copertura. La decisione, specifica la relatrice del decreto, la senatrice democratica Magda Zanoni, “ha tenuto conto del parere negativo della relazione tecnica della Ragioneria Generale dello Stato, perché la misura implicherebbe nuovi oneri per la finanza pubblica”. Stesso discorso per la proposta sulle vaccinazioni in farmacia, a prima firma Andrea Mandelli, senatore di Forza Italia e presidente dell’Ordine dei farmacisti. La norma, spiega il presidente della commissione Bilancio Giorgio Tonini (Pd), può “comunque essere votata – spiega Tonini – se lo richiedono almeno 15 senatori“. Ma è probabile che sulle norme senza copertura ci possa essere anche un rilievo del Quirinale.

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!