Sondaggio Demopolis per Otto e Mezzo: a un mese dal voto il M5S vola sempre di più

Il M5S cresce ancora secondo il Sondaggio Demopolis per Otto e Mezzo.


LINK SPONSORIZZATO


Se si tornasse al voto oggi, vincerebbe le elezioni nuovamente i 5 Stelle.

Lo rilevano i sondaggi di tutti gli istituti dal 4 marzo in poi. E le rilevazioni sono state confermate dall’ultimo sondaggio condotto dall’Istituto Demopolis per Otto e Mezzo, programma condotto da Lilli Gruber su La7.

Se oggi gli italiani dovessero tornare alle urne, il Movimento 5 stelle otterrebbe due punti in più rispetto alle elezioni che si sono svolte un mese fa e arriverebbe al 35 per cento, che sarebbe un nuovo record.

Anche la Lega guadagnerebbe qualche punto e si confermerebbe il secondo partito italiano dopo il M5S. Secondo il sondaggio di Demopolis però, il Carroccio sarebbe lontano dal 20 per cento.

Nuove elezioni penalizzerebbero invece gli sconfitti delle elezioni del 4 marzo: perderebbe consenso il Pd, dato al 17,8%, e Forza Italia perderebbe un punto e mezzo, scendendo al 12,5 per cento.

Quanto ai partiti minori, Fratelli d’Italia riconfermerebbe il 4,5% preso alle elezioni del 4 marzo scorso, mentre Liberi e Uguali rischierebbe di non entrare in Parlamento. Il partito di Bersani, Grasso, D’Alema e Boldrini è dato al 3 per cento.

Il sondaggio è stato realizzato da Demopolis alla vigilia delle consultazioni e sono stati quindi sondati gli elettorati di M5S e Lega per sapere quale soluzione preferiscono per quanto riguarda la formazione del governo.

Il 46% degli elettori pentastellati vorrebbero un accordo M5s-Lega.
Il 27% di essi vorrebbe invece meno elezioni, mentre meno del 20% è favorevole ad un esecutivo appoggiato da Pd e Liberi e Uguali.

Gli elettori del M5S invece non gradiscono un eventuale governo con tutto il centrodestra: solo il 4% di chi ha votato 5 Stelle è favorevole ad un accordo con Berlusconi.

Il 65% degli elettori leghisti è favorevole ad un governo con il M5S. Mentre l’84% di chi ha votato Lega non gradisce un’alleanza dell’intero centrodestra con il Pd.