Sicilia, il grande bluff delle province abolite: dopo 5 anni tornano le elezioni e gli stipendi per consiglieri e presidenti

Doveva essere la prima Regione d’Italia ad eliminarle. Doveva essere la prima giunta regionale a decretarne la soppressione. Doveva essere il primo esperimento di cancellazione di un ente intermedio previsto in Costituzione. E invece non è stato niente di tutto ciò. Poco male, però. Perché alla fine la Sicilia prima in una qualche classifica arriva sempre e comunque. A questo giro sarà la prima Regione d’Italia a riportare in vita le province. Sissignore: l’ultimo record collezionato dal governo di Rosario Crocetta sarà proprio la rivitalizzazione degli odiati enti diventati col tempo simbolo della casta.

La commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana ha infatti approvato una legge che definire gattopardesca è banale. Come Gesù Cristo con Lazzaro, i deputati – come si fanno chiamare i semplici consiglieri regionali in Sicilia – hanno imposto le mani sulle province ormai defunte riportandole a nuova vita. Un esperimento che da Roma osservano con curiosità, desiderosi forse di replicarlo su scala nazionale. E dire che la norma doveva essere soltanto una piccola modifica alla legge Delrio sull’abolizione degli enti intermedi, approvata anche in Sicilia dopo un tira e molla lungo quattro anni, e la cancellazione di un ddl simile, presentato però dallo stesso governatore.

Nei palazzi bizantini della burocrazia isolana, però, quando vengono annunciate modifiche piccole piccole è lecito aspettarsi i più estremi cambiamenti. E infatti la norma votata in commissione Affari istituzionali non modifica la legge Delrio: la svuota completamente, cancellandola. I deputati del Pd, di Forza Italia, di liste civiche di centro, destra e sinistra (tranne i due del M5s) non solo hanno approvato la reintroduzione dell’elezione diretta del presidente e del consiglio del Libero consorzio (nome affibbiato alle vecchie province in uno dei tanti passaggi parlamentari) e della città metropolitana (cioè le vecchie province di Messina, Palermo e Catania). Hanno anche anche riportato in vita il gettone di presenza – cioè lo stipendio – per gli eletti negli enti intermedi. E pazienza se la legge nazionale preveda esattamente l’opposto: nessun gettone e neanche elezioni dirette per sindaci e consiglieri, in nome della spending review.

Niente da fare, però. In Sicilia gli stessi deputati che da anni annunciano l’intenzione di fare andare avanti l’isola, sono riusciti per adesso nell’impresa di tornare indietro. Come i gamberi che negli anni Duemila sognano un nuovo congresso di Vienna con annesso ritorno all’Ancient Regime, cancellano riforme bollate come epocali senza neanche arrossire. E adesso spacciano la restaurazione degli odiati enti intermedi come una vittoria della democrazia. “Quando tutti parlavano di riforma epocale per le ex province, sono stato tra i pochi a dire che assecondare il presidente Crocetta sarebbe stato come trascinare al suicidio la democrazia.  Provare i cittadini dell’esercizio del voto per eleggere i propri rappresentanti è stato un fatto grave. Così come è stato grave tenere i Liberi Consorzi e le Città Metropolitane a lungo commissariati. Oggi questi enti territoriali si trovano disastrati grazie all’opera di Crocetta che definire Attila è un eufemismo”, dice per esempio il forzista Vincenzo Figuccia, che mette nel mirino proprio il governatore dopo aver votato la stessa norma dei deputati del Pd.

Quasi un lustro di riforme pasticciate, approvate a metà e poi cancellate, infatti, hanno aperto una voragine da 200 milioni nei conti delle ex province che non hanno mai avuto dei veri amministratori visto che Crocetta le ha affidate per quattro anni a commissari nominati da lui. Una situazione d’impasse che adesso viene risolta con il più classico dei modi: il ritorno al passato.  “Sarà approvata sicuramente da tutti e prima che la legislatura finisca. Anche perché è una norma che rappresenta il simbolo di questi cinque anni: ora che si avvicinano le elezioni i partiti hanno bisogno di tornare a coltivare il consenso locale con i vari portatori di voti”, dice Salvatore Siragusa, deputato del Movimento 5 Stelle, unico partito a non votare la legge bluff. In pratica l’Ars si farà bastare poche settimane per riportare in vita gli odiati enti intermedi, mentre per ucciderle c’era stato bisogno di quasi quattro anni.

Entro febbraio del 2018, quindi, gli isolani torneranno alle urne per rieleggere dopo cinque anni consiglieri e presidenti di provincia che andranno poi ad incassare uno stipendio identico a quello di consiglieri e presidenti dei capoluoghi. In più per le città metropolitane di Palermo, Messina e Catania scompare l’automatismo che fa diventare presidente il sindaco del capoluogo. Un sistema che – fatta eccezione per il 30% di posti da consigliere in meno – è praticamente identico a quello esistente nel marzo del 2013. Quando Crocetta, da cinque mesi eletto governatore della Regione Sicilia, aveva approfittato di un’ospitata televisiva da Massimo Giletti su Rai 1 per annunciare fiero quella che doveva la prima grande riforma della sua amministrazione: “Noi saremo i primi ad abolire le province“. Mai profezia fu più disgraziata.

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!