Senato, da 235 giorni salvano Minzolini dalla decadenza. Lui incassa 10mila euro al mese. Dal 2023 anche la pensione

In Italia può succedere che un condannato in via definitiva per peculato, con tanto di interdizione dai pubblici uffici per due anni e mezzo, riceva 10mila euro al mese perché qualcuno non decide. E’ il caso di Augusto Minzolini, senatore di Forza Italia che dal lontano 12 novembre 2015 vive in un limbo dorato che si nutre dell’inerzia e dei giochini della politica. “E’ una sentenza politica, evidentemente c’è qualcuno che mi vuole vedere fuori dal Parlamento”, aveva commentato lui a caldo. Aveva anche detto “comunque vada mi dimetto”. Ma il tempo è tiranno: la sua condanna in Cassazione ha effettivamente aperto la strada per la decadenza, ai sensi della Severino, ma a distanza di 484 giorni è ancora senatore della Repubblica. Il 18 luglio 2016 la giunta per le immunità del Senato ha deliberato la revoca del mandato, ma da 235 giorni – cioè ben sette mesi – i partiti fanno melina per evitare la prova dell’aula.

L’ennesimo rinvio del voto dell’Aula del Senato
E’ successo anche giovedì, nonostante la discussione fosse al terzo punto all’ordine del giorno. Anche stavolta il caso Minzolini non è stato trattato e non per mancanza di tempo. La seduta è stata addirittura chiusa con un’ora e mezza d’anticipo, con prevedibili polemiche all’indirizzo della presidente di turno e di Piero Grasso. Per Vito Crimi (M5s) “è la dimostrazione palese che dietro ai rinvii ci sia una pervicace volontà di salvarlo”. Dagli uffici di presidenza trapela una versione diversa: la vicepresidente di turno, Rosa Maria Di Giorgi, avrebbe deciso di chiudere i lavori perché l’aula era semideserta e si rischiava di far mancare il numero legale su una questione politicamente e umanamente delicata. Fatto sta che la mozione slitta a giovedì prossimo, messa come sempre tra gli “stati non conclusi” del calendario. Per avere la certezza che venga trattata bisogna sperare che le cose filino in un certo modo, ad esempio che il governo ponga la questione di fiducia sul ddl Penale messo in agenda, così che si trovi anche il tempo per evadere la pratica sul collega appeso al voto. E che gli astri siano tutti allineati sulla testolina del nostro.

Tutti amano l’Augusto (e la maggioranza non ha voglia di litigare)
Il nodo politico è chiaro da sempre. Nella giunta di palazzo Madama si erano espressi per la decadenza il Pd e M5s, contro Forza Italia e Gal, ma anche i centristi di Ncd, colonna portante dell’allora governo Renzi e adesso dell’esecutivo Gentiloni. In quei giorni la decadenza di Minzolini pareva cosa fatta, solo questione di ore. “Si vota ad agosto”, promise il Pd, prima di andare in ferie. La relatrice Doris Lo Moro Pd anche lei, ora passata con i Democratici e progressisti – assicurò una relazione lampo, depositata già il 28 luglio. Ma eccoci ancora qui, sempre in attesa della fumata grigia che viene sempre rinviata, perché quel voto a scrutinio palese può lacerare gli equilibri nella maggioranza di governo. Non a caso Berlusconi decadde in soli quattro mesi, ma era un altro ciclo politico. Da che parte arriva il fumo lo sa perfino Antonio Razzi: “Sono sicuro che Augusto non ha un solo nemico in Senato”.

La sentenza “politica”
Il suo nemico, a detta dello stesso Minzolini, è là fuori: sono i giudici o meglio il rapporto tra politica e giustizia. Il senatore si dichiara tuttora vittima di una persecuzione perché “è stato un avversario politico come Di Pietro a presentare l’esposto all’origine della vicenda, tra i giudici poi mi sono ritrovato anche Giannicola Sinisi, parlamentare dello schieramento opposto al mio che fu anche sottosegretario del governo Prodi”. Ecco perché ha fatto ricorso alla corte di Strasburgo. E perché non si è mai dimesso: “Devo aspettare che si esprima l’Aula, altrimenti non posso portare il mio caso davanti a un giudice terzo. La mia è una battaglia di civiltà contro i magistrati che fanno politica. Ma qui fa scandalo un rimborso spese mentre non c’è alcuna attenzione a questo punto nevralgico che avvelena la vita civile del Paese”.

Il prezzo della mancata applicazione della legge
Sarà sicuramente così. La benevolenza degli amici e la sua battaglia hanno però un prezzo alto. A carico dei contribuenti. Minzolini, senatore dai requisiti sempre in bilico, riceve 10mila euro al mese perché qualcuno non decide. Nei sette ormai passati inutilmente da che la giunta ha votato la revoca, è costato ai contribuenti 66.382 euro sole compente parlamentari, senza calcolare rimborsi spese e diaria. Nelle more di un voto sempre rinviato gli uffici per le competenze parlamentari non possono far altro che accreditargli quelle somme. Quanto mai preziose, visto che da quando è finito nella bufera – a detta sua, da quando è entrato ufficialmente in politica – Minzolini Augusto è sceso dall’olimpo dei super-ricchi: nel 2012 da direttore del Tg1 vantava una busta paga da 524mila euro, lo scorso anno ne ha denunciati 113mila di soli redditi parlamentari. Al soldato Minzolini va però dato atto di non essersi seduto sulle ortiche: da quando è stato eletto ha cumulato un indice di produttività superiore a molti colleghi (63%) anche se risulta più assente che presente al momento di votare qualcosa (54,5% di assenze, 45,3 di presenze, 0,14 di missioni). Per questo, di rinvio in rinvio, potrà anche maturare la sua onorevole pensione, che incasserà dal 3 agosto 2023. Tra poco più di sei anni. Ma né lui né altri, si è capito, hanno fretta.

*Aggiornato da redazione online alle ore 19 del 16 marzo 2017 

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!