Rinuncia al doppio stipendio, Di Maio: ‘Il buon esempio del M5S dà i suoi frutti’

Di seguito il post di Luigi Di Maio pubblicato sul Blog delle Stelle:


LINK SPONSORIZZATO


“La settimana scorsa si sono concluse le votazioni dei componenti degli uffici di Presidenza della Camera e del Senato.

Tutti gli eletti del MoVimento 5 Stelle hanno mantenuto la parola data e hanno rinunciato completamente al doppio stipendio che spetterebbe a chi assume queste cariche.

In primis Roberto Fico, il primo Presidente della Camera a rinunciare a oltre 4.000 euro al mese di stipendio, poi Maria Edera Spadoni e Paola Taverna (vicepresidenti di Camera e Senato), Riccardo Fraccaro e Laura Bottici (questori di Camera e Senato), infine Azzurra Cancelleri, Mirella Liuzzi, Carlo Sibilia, Vincenzo Spadafora, Gianluca Castaldi, Michela Montevecchi, Sergio Puglia e Giuseppe Pisani (segretari di presidenza di Camera e Senato).

Si tratta grosso modo di un paio di milioni di euro fatti risparmiare alle casse dello Stato. Un piccolo gesto, ma un grande significato.

Serve a dimostrare che il Parlamento non è più il simbolo della Casta.

Questo seme di normalità nelle Istituzioni sta già dando i suoi frutti.

Mara Carfagna, vicepresidente della Camera di Forza Italia, ha annunciato che ha “deciso di devolvere la mia indennità per sostenere le battaglie in cui credo: per le donne, per i minori, per la famiglia, per i disabili”, Ettore Rosato, vicepresidente della Camera del Pd sta “pensando di devolvere alla mia città, Trieste, la mia quota o di rinunciare del tutto”.

Se alle parole seguiranno i gesti concreti, come noi abbiamo già fatto, si tratta di un segnale importante perchè grazie al nostro esempio sta passando l’idea di un nuovo modo di fare politica.

E di questo siamo felici e orgogliosi.

Vorrei estendere a tutti gli altri componenti degli uffici di Presidenza di Camera e Senato l’invito a fare altrettanto.

Spogliatevi dei privilegi!

Rinunciate al doppio stipendio!

I cittadini devono tornare ad innamorarsi e ad appassionarsi della cosa pubblica e passi come questo vanno esattamente nella direzione del cambiamento indicato dai cittadini con il voto del 4 marzo.

Lo step successivo sarà l’eliminazione dei vitalizi, una questione che il MoVimento 5 Stelle porrà subito negli uffici di Presidenza e dove spero che ci sia unanimità nell’abolizione di questi assurdi privilegi.

La Terza Repubblica sarà la Repubblica dei cittadini e l’eliminazione di questi sprechi è il primo, necessario atto concreto che dobbiamo realizzare.”