Pistoia, il sindaco di centrodestra dà l’ok al supermarket cinese nel centro storico. CasaPound: “Rimpiangiamo la giunta Pd”

Non solo la sinistra che non ha ancora digerito la sconfitta storica. Ma anche l’opposizione in un ambiente che dovrebbe essergli più affine. Il sindaco di Pistoia Alessandro Tomasi, ex Alleanza Nazionale, ora tra le file di Fratelli d’Italia ed eletto nel giugno scorso con una coalizione di centrodestra, è stretto in una morsa. Perché adesso anche CasaPound, che alle amministrative di giugno correva da sola e non è riuscita ad eleggere alcun consigliere comunale, sembra scaricare il primo cittadino. Fino a rimpiangere l’ex sindaco del Pd Samuele Bertinelli.

Il motivo è la decisione del Comune di Pistoia di rilasciare i permessi all’imprenditore cinese, Du Fenglong, che aveva presentato domanda per aprire un negozio di accessori, bigiotteria e articoli per la casa in piazza Gavinana (chiamata dai pistoiesi Il Globo), in pieno centro storico. Il Tirreno racconta che il negozio si chiamerà “Lovely Market” e prenderà il posto di una profumeria. Il centro storico di Pistoia, che quest’anno è Capitale italiana della cultura, è al centro da tempo di diatribe politiche riguardo alle concessioni per le nuove attività commerciali. L’ex giunta di centrosinistra aveva approvato un regolamento che impediva l’apertura di fast food nella centralissima Piazza della Sala, tradizionale punto di ritrovo per i pistoiesi.

Così CasaPound ha attaccato il sindaco Tomasi: “Ci eravamo posti come opposizione costruttiva ma guardavamo con curiosità la nuova amministrazione che si presentava come di rinnovamento rispetto al passato – dice al fattoquotidiano.it il portavoce Lorenzo Berti – ma adesso dobbiamo rimpiangere l’ex sindaco Bertinelli che si era opposto all’apertura di un fast-food nella zona. Pistoia deve tutelare la propria identità territoriale e il commercio locale se vuole avere una vocazione turistica. Non è facendo riempire il centro storico di kebab e market cinesi che si attraggono visitatori”. CasaPound Pistoia rinfaccia al sindaco di centrodestra anche un voltafaccia elettorale rispetto al tema del commercio locale: “Nel suo programma Tomasi affermava di voler impedire l’apertura dei negozi che snaturano il nostro centro storico – si legge in una nota – il neo-sindaco dovrebbe quindi farci sapere se è cambiato qualcosa nel suo programma da quando è stato eletto o se lui considera i market cinesi come ‘tradizioni locali’?”.

Dall’amministrazione però rispondono che il sindaco non aveva alcun potere per impedire l’apertura di nuove attività commerciali, se queste sono in regola e presentano tutta la documentazione necessaria come in questo caso. “Non avevamo alcuna discrezionalità sulla concessione del permesso – spiega al fatto.it l’assessore all’Urbanistica, Alessandro Capecchi – Se avessimo impedito l’apertura avremmo rischiato l’accusa di abuso d’ufficio oltre ad una sanzione amministrativa. Come giunta però stiamo lavorando per estendere il regolamento di Piazza della Sala a tutto il centro storico così da tutelare il commercio locale”.

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!