Palermo, ucciso boss mafioso ex braccio destro del capomafia Cancemi: era stato scarcerato nel 2014

Era stato scarcerato dopo oltre vent’anni di galera dopo aver fatto ricorso alla Corte Costituzionale. Stanotte il boss mafioso Giuseppe Dainotti, 67 anni, ex braccio destro di Salvatore Cancemi, è stato ucciso a colpi di pistola a Palermo, nel quartiere Zisa, in via D’Ossuna. Dainotti è stato colpito alla testa, almeno due volte, mentre stava andando in bici: è stato affiancato da due killer che gli hanno sparato alla testa. Dainotti era stato scarcerato tra le polemiche nel 2014, dopo una condanna per mafia. Sul fascicolo aveva scritto “mai”, ma i suoi legali videro accolto un loro ricorso alla Consulta nel quale si sosteneva che per una legge del 2000 doveva scontare trent’anni e non l’ergastolo. Sul luogo del delitto la squadra mobile e il pm della Dda Anna Maria Picozzi.

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!