Migranti, Salvini: “Al Cara di Mineo stanno protestando per il caldo. Vanno caricati sul primo barcone e riportati a casa”

“Ci sono gli immigrati ospiti del centro di Mineo che stanno bloccando la strada, perché pare che abbiano caldo. Tè capì? Che risposta vuoi dare? Moderata, liberale oppure li carichi sul primo barcone e li riporti là, da dove sono arrivati?”. Sono le parole pronunciate ai microfoni di Radio Padania dal leader della Lega, Matteo Salvini, durante un filo diretto con i radioascoltatori, con la conduzione di Giulio Cainarca. La frase del capo del Carroccio è stata ribadita da lui anche sulla sua pagina Facebook, dove provocatoriamente ha scritto che i contestatori “vogliono pass gratis per entrare nelle piscine e nei lidi della zona“, condendo il tutto con il solito hashtag #stopinvasione. Durante la trasmissione radiofonica, Salvini risponde a Silvio Berlusconi, che ha invocato un centrodestra “moderato e liberale”: “Sono categorie dello spirito vecchie, che usa chi non vuole entrare nei temi. Io propongo soluzioni, come farò stasera da Vespa“. Stoccata anche al Corriere della Sera: “Secondo il quotidiano, siamo una radio fantasma, una fake radio che non trasmette più da settimane. Quello che state sentendo è una suggestione estiva. In realtà, per motivi economici abbiamo dismesso le frequenze FM alle antenne sulle montagne, che sono un costo della Madonna per la manutenzione”. Poi commenta i risultati elettorali: “In pratica, hanno vinto Renzi, Grillo e Berlusconi. Questo dicono i telegiornali. La verità è che non basta Facebook per fare politica. Ad Alessandria il quartiere in cui la Lega ha avuto più voti si chiama Cristo. Un nome evocativo. Lì ci sono problemi di occupazione abusiva, sporcizia, topi, spaccio di droga. E tu a uno che abita lì, con l’abusivo immigrato sul pianerottolo e col balcone sta rischiando di crollare, mandi un tweet? Devi andare lì, capire, ascoltare. Tutti mi chiedevano più lavoro, meno tasse, meno clandestini“. Invettiva contro il decreto salva banche e il ministro dell’Economia: “Quel decreto è una delle più grandi truffe dal dopoguerra a oggi. Invece di spendere 3 miliardi di denaro pubblico per salvare tutti, superando le regole europee, ne spenderanno 17, fregando 4mila lavoratori e 200mila risparmiatori e licenziando 4mila lavoratori. Si chiama ‘salva banche’, perché ha salvato i banchieri e le banche, non i risparmiatori. Sapete che i tg non ne parlano? Fanno solo vedere Padoan con la sua faccia da pesce lesso che dice: “Ho salvato le banche”. Poi leggi che ieri un risparmiatore ha tentato di suicidarsi a Montebelluna“. E annuncia: “Se il governo va avanti col decreto salva banche, così come lo hanno scritto, la Lega farà di tutto per bloccare il Parlamento e i lavori in Aula”

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!