Mafia, blitz contro fiancheggiatori di Messina Denaro: 14 fermi. “Possibile presenza del boss in Sicilia occidentale”

Matteo Messina Denaro potrebbe continuare ad farsi vedere in Sicilia occidentale. Una presenza, quella dell’ultima primula rossa di Cosa nostra, che i carabinieri del Ros hanno documentato indagando sulla famiglia mafiosa di Marsala. Sono quattordici, infatti, le persone fermate all’alba perché accusate di essere fiancheggiatori del boss di Castelvetrano. Per la procura sono colpevoli di associazione mafiosa, estorsione, detenzione illegale di armi e altri reati aggravati dalle finalità mafiose

L’indagine della procura di Palermo ha delineato gli assetti e le gerarchie del clan mafioso di Marsala, documentando anche  le tensioni interne alla famiglia per la spartizione delle risorse finanziarie derivanti dalle attività illecite e l’intervento pacificatorio – nel 2015 – dello stesso Messina Denaro.
In questo contesto gli accertamenti hanno fornito “inediti e importanti elementi, per l’epoca – sottolineano gli investigatori – riguardanti l’operatività e la possibile periodica presenza del latitante nella Sicilia occidentale”. I particolari dell’operazione saranno resi noti in una conferenza stampa che si terrà alle 10 e 30 presso la sede del Comando provinciale carabinieri di Trapani.

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!