Lega, Salvini: “Mano libera a forze dell’ordine e via le leggi contro propaganda fascista”. Bossi non parla

“Mano libera alle forze dell’ordine” per “portare pulizia e sicurezza alle nostre città”. E pure la cancellazione di “leggi liberticide come la legge Mancino e la legge Fiano“, quelle contro l’apologia di fascismo. A Pontida edizione 2017 – la prima nella storia senza Umberto Bossi sul palco – la parola d’ordine è restaurazione. Di che cosa, lo valuteranno i militanti leghisti riuniti sul pratone dove 850 anni fa nacque la storica Lega lombarda. Secondo il segretario Matteo Salvini, è la descrizione di “un Paese libero di pensare, parlare, lavorare e sognare, per questo siamo qua oggi”. Il Paese che Salvini vuol creare se davvero questa, come ha sostenuto, “è l’ultima Pontida con la Lega all’opposizione e la sinistra al governo“.

Prima del suo intervento, durante il quale ha anche annunciato una proposta di legge per “giudicieletti direttamente dal popolo”, l’attenzione era tutta sull’assente, il Senatùr. Che a Pontida è arrivato, ma non è nella scaletta dei relatori della manifestazione da lui creata nel 1990. “Pontida è Bossi“. E il padre del Carroccio “ha sempre diritto di parola” al raduno annuale dei militanti leghisti, ha detto infatti il presidente della Lombardia Roberto Maroni, contrario alla decisione presa dal segretario dopo il blocco dei conti della Lega per effetto della condanna in primo grado per truffa allo Stato di Bossi e del suo storico tesoriere Francesco Belsito. Anche per Gianni Fava, assessore alla Mobilità di Regione Lombardia e voce critica del partito, “non permettere a Bossi di parlare dal palco di Pontida è “un errore, anche mediatico”: “Nessun movimento politico cancella la propria storia, non fargli fare nemmeno un saluto è sbagliato. Se oggi siamo qui è grazie a lui”.

“A Pontida ci siamo tutti ma nei momenti eccezionali parla uno”, ha detto Salvini per spiegare l’assenza del fondatore in scaletta. Questa mattina però il primo a parlare dal palco è stato il governatore della Liguria Giovanni Toti, di Forza Italia: non era mai successo che l’esponente di un altro partito intervenisse al raduno. Dal palco il segretario, che ha annunciato ricorso contro il sequestro preventivo di 49 milioni disposto la Tribunale di Genova, ha ribadito: “Se pensano di bloccarci rubando il frutto del nostro lavoro hanno sbagliato a capire, i giudici andassero a sequestrare i conti dei mafiosi in giro per l’Italia perché qui c’è gente per bene”. Maroni arrivando a Pontida ha parlato di “provvedimento abnorme“. Poi il presidente della Lombardia ha ricordato il referendum per l’autonomia del 22 ottobre sostenendo che “meritiamo di tenerci i nostri soldi e non possiamo mancare questa occasione”.

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!