Fascismo, serve un nuovo reato di propaganda? Vox di Ricca: “Libertà d’opinione”. “Sono crimini, non opinioni”

È necessaria una nuova legge che introduca il reato di propaganda fascista? In attesa del voto in parlamento sul Ddl Fiano, ne abbiamo parlato con i cittadini in strada. Pochi tra gli intervistati in realtà sono informati dell’iniziativa legislativa e mostrano interesse per la questione. “Ci sono problemi molto più seri e urgenti”, è il commento più diffuso. Tra coloro che entrano nel merito, molti dichiarano che la diffusione di messaggi o l’esibizione di simboli di stampo fascista “dev’essere tutelata dal diritto alla libertà di opinione“. “In fondo, contro razzismo, discriminazione e violenza in politica bastano le leggi già in vigore“, aggiungono altri. Ma si trovano anche voci favorevoli. “Basta impunità, non si tratta di folklore. La legge deve fissare un principio chiaro: il fascismo non è un’opinione ma un crimine”. “È giusto contrastare con severità e in ogni forma il pericoloso rigurgito neofascista, soprattutto sul web”.  E c’è chi ricorda Pier Paolo Pasolini e la sua lezione sul nuovo fascismo. “Il vero potere autoritario ormai non si presenta in camicia nera”. E voi che ne dite? Il Ddl Fiano va approvato o ritirato?  di Piero Ricca, riprese e montaggio Alessandro Sarcinelli

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!