Elezioni, Travaglio: “Alleanza Pd-M5S? Possibile con il Renzi delle origini. Ci sono punti di contatto”

Su un’alleanza PD – M5S alle prossime elezioni, il direttore del Fatto Quotidiano Marco Travaglio, è possibilista. Intervenendo sulla domanda di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7, il direttore spiega le ragioni auspicate dal filosofo Massimo Cacciari e dal costituzionalista Gustavo Zagrebelsky: “Dato che nel polo di centrodestra c’è Berlusconi disponibile a governare col PD, col rifiuto della Lega e della Meloni, senza per questo avere i voti sufficienti per governare, l’unica soluzione per evitare di ritornare alle urne, è un’alleanza dei 5 stelle o con il PD o con la Lega”. Travaglio sottolinea le divergenze tra i 5stelle e il partito di Salvini, in quanto il movimento di Grillo è molto più forte al sud. Pertanto l’alleanza potrebbe produrre un forte ridimensionamento del numero dei deputati: “Io non me lo vedo Fico o Di Maio che fanno un’alleanza con Salvini che li tratta come dei cani che puzzano. L’alleanza col PD è difficilissima, visto che se ne dicono di tutti i colori ma soprattutto ci sono molte divergenze programmatiche, ma non così ampie come col centrodestra. Adesso – conclude il direttore – se vogliono provare seriamente a governare seguire il suggerimento di Zagrebelsky: dire prima delle elezioni ‘Noi vogliamo fare queste 10 cose. chi ci sta? Se Renzi torna ad essere quello delle origini, ci potrebbero essere dei punti d’intesa”

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!