Di Maio, fresco di candidatura ma già al giro di boa?

“Sono webmaster e laureando in giurisprudenza”, si presentava a fine 2012 per le prime parlamentarie. Oggi, nessun dubbio in merito, non avrebbe difficoltà a trovarsi un lavoro. Ma è davvero pronto a rinunciare ai riflettori? Ai selfie? A tutti gli onori? Alle attenzioni di vescovi, think tank e salotti vari? Luigi Di Maio lo ha ribadito anche a Rimini: al limite dei due mandati non si rinuncia. Quindi, al più tardi tra cinque anni, tornerà a vita privata. E dovrà “trovarsi un’occupazione”, come ha più volte ripetuto nel tour estivo tra le piazze siciliane e infinite volte in televisione. Ma può candidarsi a guidare il governo del Paese chi è già al suo personale giro di boa? Di Maio è davvero pronto a farsi da parte? A mantenere l’impegno e la coerenza anche se a chiedere una deroga ad personam fosse lo stesso popolo pentastellato? E’ bello crederci. Fin troppo.

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!