Consip, Renzi: “Dico tutto sulla telefonata con mio papà”. Ma tace su “la verità che non hai detto a Luca”

“Farò chiarezza, racconterò anche i dettagli di questa brutta vicenda”. Eppure nella resa conti annunciata da tutto il giorno, Matteo Renzi rilegge nel pomeriggio quanto scritto la mattina, ma tralascia il dettaglio più importante: quale mancata verità ha detto suo padre a Luca (chiaro il riferimento a Lotti, ndr), come emerso nella telefonata del 2 marzo intercettata da chi indaga sul caso Consip e pubblicata oggi dal Fatto? Nell’appuntamento odierno di MatteoRisponde su Facebook, il segretario risponde, quindi, ma non precisa nulla, specie sul coinvolgimento in merito ai passaggi più interessanti della telefonata di due mesi fa con suo padre. È il 2 marzo scorso, 48 ore prima dell’interrogatorio di Tiziano Renzi, indagato per traffico di influenze nell’inchiesta sulla centrale pubblica degli appalti. Il figlio Matteo è in giro per il Sud Italia e legge su Repubblica l’intervista di Mazzei (un testimone) che racconta di come Tiziano Renzi abbia incontrato l’imprenditore Alfredo Romeo in una bettola romana. L’ex premier chiama il padre e lo mette alle strette.

Non gli crede, glielo dice a chiare lettere. E aggiunge alcuni particolari assai rilevanti anche ai fini dell’inchiesta. Particolari che oggi, però, guarda caso non vengono neanche sfiorati nel lungo monologo del segretario Pd. Renzi, ad esempio, non ha detto nulla sul perché ha chiesto al babbo Tiziano di dire la verità ai magistrati e di non fare “come hai fatto in passato con Luca”. E non dice neanche perché il padre, davanti ai pm che avrebbero dovuto sentirlo di lì a un paio di giorni, avrebbe dovuto evitare di nominare la madre, Laura Bovoli, “altrimenti interrogano anche lei”. Non solo. Pur continuando a promettere chiarezza via social ogni due minuti per non far calare le visualizzazioni e tenere in caldo chi voleva sapere la sua versione dei fatti, Matteo Renzi non fornisce particolari utili neanche sul suo riferimento a Marco Lillo e alla “clausola di riservatezza così da non dire fuori se e quanto ha dovuto pagare” in merito a una presunta causa persa dal giornalista contro l’ex premier.

La questione principale, però, resta la mancata chiarezza sulle quelle verità non dette dal padre Tiziano a Luca Lotti, che nell’inchiesta Consip è indagato per rivelazione di segreto e favoreggiamento: secondo gli inquirenti è stato lui uno degli autori della fuga di notizie che ha portato l’ad di Consip Marroni a far bonificare il suo ufficio romano. “Io non voglio essere preso in giro e tu devi dire la verità in quanto in passato la verità non l’hai detta a Luca e non farmi aggiungere altro. Devi dire se hai incontrato Romeo una o più volte e devi riferire tutto quello che vi siete detti” dice il 2 marzo Renzi al padre. E oggi non spiega a cosa si riferisse. Quali bugie ha detto Tiziano Renzi al ministro dello Sport? Cosa ha voluto nascondere? Renzi non lo dice due mesi fa e non lo spiega oggi, tradendo la promessa di “chiarezza” e “dettagli sulla vicenda” ripetuta a favore di click per tutta l’ora abbondante di diretta su Facebook, in cui l’ex presidente del Consiglio rilegge e fa la parafrasi del messaggio pubblicato in mattinata sulla sua bacheca.

Dove, tra l’altro, si legge di un processo vinto contro Marco Lillo, con cui avrebbe siglato un patto di riservatezza per non parlare della vicenda. “Marco Lillo mi conosce – spiega Renzi, riprendendo quanto scritto in mattinata – Già in passato c’è stata tra noi una transazione per una notizia falsa su di me che aveva scritto: non rileverò i particolari, se vuole lo farà lui. C’è un vincolo”. Falso. Nel pomeriggio, infatti, il cronista del Fatto ha spiegato come sono andate realmente le cose: “Non è vero che ho perso una causa con Matteo Renzi – dice Lillo su Rai Radio1 – È un colpo basso visto che non riguarda me ma un mio collega. Avevo fatto un pezzo insieme ad un mio collega – spiega Lillo – ed è stato il mio collega a scrivere quella cosa sbagliata. Renzi lo sa benissimo perché ne abbiamo parlato anche io e lui personalmente“.

In compenso, tuttavia, Renzi non manca di sottolineare che “è scandalosa la pubblicazione dell’intercettazione tra me e mio padre, non il contenuto”: “Primo punto – dice il segretario Pd – sono intercettazioni che non si potevano pubblicare: voglio sapere chi ha violato la legge”. Poi sottolinea di aver solo chiesto al genitore di dire “solo tutta la verità davanti ai magistrati“. “Mio padre ha conosciuto la giustizia solo dopo il mio arrivo a Palazzo Chigi – aggiunge – ha preso un avviso di garanzia per bancarotta fraudolenta: l’accusa è stata archiviata, la fedina di mio padre è pulita, va sottolineato“. Successivamente la promessa di entrare nei dettagli della questione: “Se mio padre sa qualcosa lo dica all’avvocato e al magistrato, non c’è nulla di scandaloso. È vergognoso che la telefonata sia stata pubblicata, ma dentro non c’è nulla di clamoroso”.

Renzi poi sottolinea che “queste intercettazioni mi feriscono perché in quella telefonata sono stato molto duro con mio padre. Da uomo delle istituzioni non potevo fare diversamente, avevo il dovere di dirgli di andare lì e dire la verità e di dirla anche a me, e l’ho provocato per questo”. E la mancata verità di Tiziano a Luca? Nulla. “Ho dubitato di mio padre – continua – è una cosa brutta che non auguro a nessuno”. Da qui il passaggio per affrontare la questione del Noe, il coinvolgimento dei servizi segreti poi smentito e gli altri “particolari interessanti degli ultimi giorni” di cui “nessuno ha più parlato”. Tranne Il Fatto, che oggi – per dirla alla Renzi – pubblica un particolare davvero interessante, ovvero la richiesta di verità a Renzi senior da parte di Renzi junior. Che però in pubblico e nelle ospitate televisive non aveva mai dubitato neanche per un secondo di quanto detto dal padre.

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!