Banche, Mattarella firma decreto che crea commissione d’inchiesta. Botta e risposta con Brunetta sui tempi

E’ legge, dopo due anni di tira e molla, l’istituzione di una commissione parlamentare di inchiesta sul sistema bancario e finanziario. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha infatti firmato il provvedimento che ha ottenuto il via libera della Camera ha fine giugno. La firma del Colle è arrivata dopo un battibecco con il capogruppo di Forza Italia alla Camera Renato Brunetta, che mercoledì aveva messo fretta a Mattarella sottolineando come il testo fosse “fermo alla firma del Colle da ormai ventuno giorni”. “Il Paese, i cittadini, l’opinione pubblica ci chiedono verità, trasparenza e giustizia in merito a quanto successo negli ultimi anni alle nostre banche e al nostro sistema creditizio. È dovere delle Camere dare risposte serie e concrete”, aggiungeva Brunetta.

In serata è arrivata la precisazione dell’ufficio Stampa del Quirinale: “La legge è in corso di promulgazione”e “non è affatto ferma al Colle da ventuno giorni, come affermato, ad esempio dall’on. Brunetta, essendovi arrivata il 26 giugno, quando il Presidente della Repubblica si trovava in visita di Stato in Canada, dalla quale è rientrato nel suo ufficio il 3 luglio. Si tratta, quindi, di nove giorni, periodo assolutamente normale per l’esame delle leggi ordinarie, considerato che l’art. 73 della Costituzione prevede un termine di trenta giorni per la loro promulgazione”. “Va aggiunto che non vi è alcuna pressione che possa distogliere il Capo dello Stato da uno scrupoloso e attento svolgimento dei suoi compiti di verifica”, concludeva la nota.

Brunetta non arretra, e anzi sostiene che il suo “rispettoso pungolo ha avuto qualche effetto” aggiungendo: “Proprio per questo non capiamo le polemiche sollevate ieri dall’ufficio stampa del Colle prima e da ‘ambienti del Quirinale’ poi. A questi ultimi rispondiamo volentieri”. Seguono esempi di “promulgazioni lampo”, come quella del decreto banche venete e della manovrina. Ora per il forzista è urgente che la commissione parta, anche se “siccome noi non siamo un Paese normale, la presidenza se la prenderà il Partito democratico“.

Condivi la notizia con i nostri bottoni social

Ti serve un nuovo hosting hosting? Solo 1.99€/mese e dominio gratuito!

La tua prima VPS? 1 CPU, 1G Ram e 100Hb disk SSD con traffico illimitato? Solo 8.33€/mese!