“Adesso vi spiego come li faccio impazzire…” Così Di Maio parla davanti ai suoi nuovi senatori


LINK SPONSORIZZATO


Si mostra ottimista, Luigi Di Maio, nel corso della riunione coi neoeletti M5s al Senato: “Per quanto riguarda il governo io credo proprio che abbiamo ottime possibilità. Sono molto fiducioso, perché una forza politica così, con queste dimensioni, è difficile metterla all’angolo”, premette. Dunque, la battuta irriverente verso gli altri partiti: “Come vedete, sono gli altri che si agitano. Noi abbiamo il sorriso stampato sulla faccia e con quello li facciamo impazzire tutti“.

Sull’imminente voto per la presidenza delle Camere, ribadisce: “Siamo disponibili a ragionare con ampio dialogo con tutti”. Dunque, Di Maio sottolinea: “Prima il metodo, poi i nomi. Siamo il perno della legislatura”. Quindi ribadisce la sua chiusura “a condannati e a persone sotto processo per le presidenze”. Un paletto con cui, di fatto, chiude ancora a Paolo Romani (indagato per peculato per la risibile vicenda di un cellulare affidato alla figlia) con l’obiettivo di spaccare la compattezza (scricchiolante) del centrodestra.